L’utero dell’Ignoranza è sempre in affitto

Pregnant belly with sign

In questi giorni si è parlato molto del figlio di Nichi Vendola. L’evento ha innescato una serie di commenti e un giro di informazioni piuttosto false, oltre che razziste e inutili.
Perciò, riapro le danze in questo mio blog (più simile a un grosso calderone da strega) per alcune precisazioni che mi sembrano doverose a chi il cervello lo usa invece che portarlo a spasso in stato vegetativo.

Ho letto diversi articoli, e interventi, che parlano di “utero in affitto”.
Ebbene, la terminologia è scorretta. Se prestate un secondo di attenzione potrete comprendere come venga usata solo per fare propaganda e per esprimere già un giudizio. È un termine fuorviante.
È esatto parlare di “maternità surrogata”.
In considerazione della scelta di Vendola, occorre sapere un minimo di inglese e leggere cosa prevede in questi casi la legislazione canadese:

“The Assisted Human Reproduction Act (AHRC) permits only altruistic surrogacy: surrogate mothers may be reimbursed for approved expenses but payment of any other consideration or fee is illegal”.

Quindi, da una semplice traduzione letterale (chè se no poi i neuroni si affaticano troppo) si comprende come sia un atto volontario e non mercenario, cosa che è punita dalla legge come reato.
Eh sì che noi italiani non siamo avvezzi a comprendere cosa sia un reato, giacché assistiamo continuamente a illeciti che vengono istituzionalizzati per vari motivi, però non mi pare che Vendola sia stato denunciato e arrestato (che abbiamo già i Marò in India, troppi “aridateci” poi).

Esistono banche del seme, degli ovuli e gravidanze surrogate già da diversi anni. E questo lo sanno bene moltissime coppie eterosessuali. Quando a usufruire del servizio è una coppia di omosessuali, si scatena l’inferno.
Alcune cose, in particolare, mi hanno lasciato senza parole: il gran parlare della violenza sulla donna e il blaterare di esterofilia, società solipsitiche e azioni contrarie alla morale cristiana.
Ho usato il termine “blaterare”: tipico esempio di come un termine possa esprimere già un giudizio. E ora veniamo al contenuto del bla-bla-bla e a ciò che mi piace (=da usare tutte le sfumature dell’ironia).

Mi piace leggere opinioni sulle donne che vanno in giro con le gonne troppo corte o con i jeans attillati, o sulle minorenni colpevoli di tentare gli uomini maturi (subito Vissani in India coi Marò!) e poi sentir parlare di violenza sulla donna in una maternità surrogata.

Mi piace sentir parlare di esterofilia quando in Italia a una coppia omosessuale non è consentito adottare un bambino. Se Vendola avesse aspettato una legge apposita avrebbe avuto la stessa età di Matusalemme, a voler essere ottimisti.

Mi piace leggere come siamo avviati verso un processo solipsista quando si tratta di cercare di ottenere una parità di diritti.

image

Mi piace vedere gli scudi dei cattolici levati contro questo abominio.

In fondo mi piace molto la coerenza. Un po’ meno che a restare incinta, in affitto o naturalmente, sia sempre la mamma degli ignoranti.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...